Barbara Brambillasca

Di notte sono una Artista Orafa e di giorno sono una professionista della comunicazione.

Per questo dico sempre che creo i miei gioielli in un tempo inesistente, rubando ore e minuti preziosi alle mie giornate frenetiche.

32 DICEMBRE, infatti, è il giorno immaginario che rappresenta il tempo inestitente in cui creo i miei gioielli dallo stile ruvido, inconfondibile e particolare. Uno stile arzigogolato che ricorda il modo di essere complicato ma sempre iperfemminile delle donne.

I gioielli però non sono la mia unica passione: amo la Filosofia, sono anche una musicista, che nutre una viscerale predilezione per le note basse e il ritmo, e adoro i grandi autori della Fantascienza che spesso ispirano le mie collezioni, con i loro mondi immaginari.

Gioielli

Mi piace considerare i miei gioielli contemporanei come piccole sculture artigianali, dalle forme ruvide e irregolari in perfetto equilibrio tra passione e tecnica orafa.
Amo creare soprattutto pezzi unici che non cedono alle tendenze di omologazione imposte dal mercato.
Sono infatti convinta che ogni donna sia unica e che ognuna abbia il diritto di possedere un gioiello altrettanto unico che non abbia eguali.

Ho sempre desiderato indossare gioielli unici e bellissimi, che mi facessero senitre speciale e mi accompagnassero come talismani nelle sfide quotidiane, così ho cercato di coniugare la tecniche della tradizione orafa al design e al gusto del made in Italy per creare un gioiello contemporaneo diverso, in grado di esprimere il carattere e l’unicità di chi lo indossa.

Scuola Orafa

Dopo aver vissuto all’estero, sono rientrata a Milano e ho cominciato ad interessarmi al mondo dei gioielli.
Non riuscivo a trovare dei gioiellli particolari e originali come quelli che immaginavo e sognavo.  Così mi sono detta: “Perchè non crearmeli da sola?”

Ho frequentato la Orafa Ambrosiana  di Milano e ho appreso le tecniche dell’oreficeria classica, della fusione a cera persa e dell’incastonatura. Successivamente ho arricchito la mia formazione con partecipando a diversi workshop e seminari per apprendere la patinatura dei metalli, il sandcasting, la fusione con la tecnica dell’osso di seppia e anche un corso di Design del Gioiello.

Studio,  ricerca e sperimentazione sono la mia personale ricetta per creare gioielli sempre più unici e originali.

Non solo ruvido

32 Dicembre non è solo “argento ruvido”.
L’artista ha infatti scelto di realizzare alcuni gioielli in una versione alternativa e opposta. Si tratta di pezzi caratterizzati da una superficie liscia e da linee morbide e avvolgenti.

Non solo argento

Ogni creazione di 32 Dicembre può essere realizzata anche in bronzo.
Il bronzo è un metallo affascinante dal colore caldo e brillante. Un colore che cambia nel tempo e che si adatta a chi lo indossa assumendo sfumature diverse.

Non solo collezioni

32 Dicembre non crea solo collezioni ma spesso si dedica alla realizzazione di pezzi unici non riproducibili. Si tratta di gioielli unici dedicati a donne speciali che tramite i gioielli di 32 Dicembre riaffermano la propria originalità e unicità.

La fusione a cera persa e la luce delle pietre

Per realizzare i miei gioielli ho scelto la tecnica della fusione a cera persa.
Si tratta di un’antichissima tecnica scultorea che risale all’età del bronzo e che mi permette di spaziare e sperimentare forme organiche e plastiche.
 In questo modo posso immaginare nuovi modi per rendere il metallo prezioso morbido e curvo, quasi come un drappo di stoffa, oppure ruvido e aspro.
Sono proprio questa ruvidezza e queste forme e proporzioni inusuali l’elemento distintivo  e caratteristico de 32 DICEMBRE.

Sono costantemente ispirata dai colori e dalla luce delle pietre naturali. La mia ricerca artistica infatti è costantemente concentrata per trovare nuove inclinazioni e nuove texture del metallo che sappiano meglio esaltare luminosità, riflessi e ombre delle pietre.

Capacità tecnica, creatività e sperimentazione giocano un ruolo fondamentale nella mia quotidiana esplorazione delle possibilità del materia e nella sapiente cattura della luce delle pietre. In questo modo riesco a creare gioielli scolpiti che non cedono a compromessi, per una bellezza che non si preoccupa del tempo.

 

Ispirazioni

Filosofia

L’Essere e il Dover Essere si configurano in un Filosofia di Azioni, di atti intrinsecamente coerenti con la mia personale ricerca del senso e del significato dell’Esistenza.

Musica

Il Ritmo di 32 DICEMBRE è sincopato e imprevedibile.
E’ il ritmo dettato dalla batterie e dalle note profonde e rotonde del basso, che sottolineano e scandiscono lo scorrere inesorabile del tempo.

Fantascienza

Universi alternativi e, a volte, spaventosi e distopici che spesso contengono le chiavi di lettura del presente. La Fantascienza è così una ulteriore occasione per le domande su quello che attende l’umanità.